C’E’ BISOGNO DI ARIA NUOVA! 


C’E’ BISOGNO DI ARIA NUOVA!
Dopo 24 anni di amministrazioni Leghiste/Forziste c’è bisogno di aria
nuova.
Per questo la lista “Sin istra per un’Altra Seriate” composta da
uomini e donne, giovani, lavoratori e lavoratrici, pensionati, si
candida al governo della città, sostenendo il candidato Sindaco
Marco Sironi.
Siamo l’unica lista di sinistra, una lista che vuo le essere la voce
della solidarietà, dell’equità e della giustizia sociale.
Seriate deve diventare una città vivibile, una città per tutti. Una
città ecosostenibile, più salutare e meno inquinata.
Ecco i punti essenziali con i quali la nostra lista si candida al
governo della città per i prossimi 5 anni:


Dopo 24 anni di amministrazioni Leghiste/Forziste c’è bisogno di aria nuova. 

Per questo la lista “Sinistra per un’Altra Seriate” composta da uomini e donne, giovani, lavoratori e lavoratrici, pensionati, si candida al governo della città, sostenendo il candidato Sindaco Marco Sironi

Siamo l’unica lista di sinistra, una lista che vuole essere la voce della solidarietà, dell’equità e della giustizia sociale. 

Seriate deve diventare una città vivibile, una città per tutti. Una città ecosostenibile, più salutare e meno inquinata. 

Ecco i punti essenziali con i quali la nostra lista si candida al governo della città per i prossimi 5 anni: 2 

RIQUALIFICARE IL TERRITORIO 

CENTRO STORICO, VERDE, MOBILITA’ 

 Riqualificare la città di Seriate creando un sistema viario alternato e ciclabile che permetta ai cittadini di spostarsi e accedere ai negozi a piedi o in bici. 

 Bloccare l’esasperante cementificazione e riappropriarsi del verde pubblico, potenziare i parchi con giochi nuovi ed inclusivi. Difesa delle restanti aree verdi come la 167 nord, la piana di San Giuseppe, collina e piana di Comonte, Cassinone. Diversa e più partecipata gestione dell’Oasi Verde, con possibilità di utilizzo per concerti, iniziative ludiche e di intrattenimento. 

 Riqualificare il centro storico e la piazza Bolognini, facendoli diventare luoghi di incontro e di scambio dei cittadini e delle cittadine. La piazza, l’agorà dei nostri tempi, va concepita come luogo di aggregazione, di confronto e non in un’ottica di controllo. Le attività commerciali nel centro storico vanno favorite non penalizzate. 

 Ampliamento del trasporto pubblico anche attraverso la linea ferroviaria (metrò leggero Montello/Ponte San Pietro) e riduzione dei voli su Orio al Serio. Più percorsi di bus da e verso le valli Cavallina e Calepio. 

 Recuperare e riqualificare l’area “ex Mazzoleni” per fini sociali, culturali e lavorativi e non speculativi. Insieme al vicino centro storico, questa importante area può diventare realmente la nuova carta d’identità della città. 

 Il centrodestra in questi anni, grazie alla abolizione della pianificazione del commercio a livello nazionale, ha favorito a dismisura la grande distribuzione (ampliamento dell’Iper, realizzazione di grandi strutture commerciali, ecc.). Occorre pertanto bloccare ulteriori e nuovi insediamenti e ampliamenti di centri commerciali e della grande distribuzione e favorire mercati locali, il consumo a chilometro zero, Gruppi di Acquisto Solidale e Popolare e negozi di vicinato. Occorre battersi a livello nazionale per l’approvazione di una nuova legge sulle pianificazione del commercio. Occorre battersi per una legge che limiti le aperture festive, nel rispetto dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici della grande distribuzione. 

 Stop alla privatizzazione dei servizi come invece successo in passato con la chiusura dell’asilo nido comunale e la farmacia comunale di via Paderno. No alla vendita del palazzo di proprietà comunale dell’ex Asl in via Marconi e suo riutilizzo a scopi socio-ricreativi. 

DIFESA DELLO STATO SOCIALE LOCALE 

SERVIZI, CASA, LAVORO 

 Rivalutare il ruolo della scuola pubblica attraverso adeguati investimenti. 

 Attenzione particolare agli anziani, portatori di handicap, persone con fragilità e alle nuove povertà. 

 Potenziamento dell’edilizia residenziale pubblica e dell’edilizia convenzionata per rispondere al bisogno di casa di ampie fasce sociali e riduzione dell’Imu ai proprietari che affittano a canone concordato. Operare, di raccordo con la Prefettura e con i Sindacati degli inquilini, per regolare gli sfratti e trovare soluzioni abitative alternative a chi ne è sottoposto. 

 Difesa delle attività produttive presenti sul territorio e favorire l’incontro tra domanda ed offerta di lavoro. 

 Nel quadro dei limiti imposti dalla legislazione nazionale, occorre aumentare la dotazione organica del Comune, di raccordo anche con la Rappresentanza Sindacale Unitaria. 

PARTECIPAZIONE DIRETTA DEI CITTADINI 

CONTRASTO A VIOLENZA DI GENERE ED OMOFOBIA 

 Costituzione del bilancio partecipativo dando priorità alle esigenze dei cittadini. 

 Pensare ad una città multietnica, antifascista, antirazzista e libera dalle mafie, con un nuovo regolamento che vieti le concessioni di spazi pubblici a forze fasciste, razziste ed omofobe che non si riconoscono nei valori costituzionali. 

 Diritto di voto ai referendum comunali ai cittadini migranti modificando lo Statuto Comunale. 

 Destinazione di un’area polivalente per attività culturali e ricreative. 

 Promuovere un laboratorio permanente di musica, arte, attività motorie per bambini, giovani, adulti anche in autogestione, sovvenzionato dal comune. 

 Lotta alla violenza sulle donne, al patriarcato, all’omofobia e al bullismo, educazione al rispetto delle diversità, con campagne sul territorio e nelle scuole. Possibilità di iscrizione e trascrizione anagrafica di atti di nascita e di provvedimenti di adozione di famiglie Arcobaleno. 

 Lotta alla ludopatia con adeguate campagne informative.